Google Ad Grants: annunci gratuiti per le no profit

Sarà capitato a tutti di vedere un annuncio online di qualche ONLUS o ONG, giusto? Bene, ma qual è il rapporto tra le organizzazioni no profit e gli investimenti pubblicitari online?

Dietro a tutto ciò c’è ovviamente lo zampino di Google ADS, la più famosa piattaforma pubblicitaria utilizzata da molti professionisti e aziende, ma questa volta in veste diversa; stiamo parlando di Google Ad Grants, il programma dedicato alle organizzazioni no profit.

Google Ad Grants è appunto il collante tra l’advertising e il no profit perché permette di progettare e gestire campagne (annunci di solo testo) grazie a un budget pubblicitario gratuito di 10.000 dollari al mese, ovvero circa 329 dollari al giorno. 

Per poter accedere a questo budget però Google stabilisce dei requisiti:

  • Essere registrato a Social Techno
  • Essere una ONLUS, ONG o istituzioni religiose o altre tipologie di associazioni che operano come non profit.

Viene specificato che non sono ammessi enti governativi o organizzazioni sanitarie, ospedali o scuole ed università anche se pubbliche.

Come richiedere un account

Prima di accedere a Google Ad Grant è necessario richiedere un account al portale Google per il non profit e seguire il percorso guidato fino al completamento.

Il secondo step consiste nell’attendere la convalida da parte di Tech Soup, la piattaforma che si occupa di verificare le richieste al programma, quest’ultimo è un requisito fondamentale per poter proseguire.

Terzo step, una volta ottenuta la convalida sarà possibile, tramite il portale Google per il non profit, accedere alla sezione Google Ad Grants e concludere la richiesta. Google avvierà le procedure di revisione (solitamente impiega fino a cinque giorni lavorativi).

I limiti

Google impone alcuni limiti di tipo tecnico:

  • Gli annunci devo essere solo testuali e compariranno sotto a quelli degli inserzionisti paganti.
  • Le campagne non potranno usufruire della strategia di remarketing
  • Il CPC massimo è di 2 $
  • Google invita a scegliere accuratamente la località migliori quindi no a campagne su intere nazioni
  • Sono richiesti almeno due annunci attivi per ogni campagna
  • È richiesto di mantenere un CTR di almeno il 5%
  • Google richiede almeno un’azione di conversione al mese