Cosa sono e come riconoscere le fake news?

Un sacco di articoli che leggi online, specialmente nei feed dei tuoi social media, possono sembrarti veri, ma ahimè spesso non lo sono. 

Tema molto discusso nell’ultimo anno, le fake news sono notizie, storie, bufale create per disinformare o ingannare deliberatamente i lettori. Di solito vengono create per influenzare le opinioni delle persone, per promuovere una propaganda politica ma soprattutto per creare un business redditizio a chi le genera.

Tradizionalmente cerchiamo le notizie da fonti attendibili, sui siti giornalistici ad esempio, tuttavia internet ci consente di trovare e condividere informazioni che non seguono nessuna regola editoriale. Molte persone infatti cercano notizie dai social media e spesso può essere difficile capire se le storie siano vere o meno. Le dinamiche dei social favoriscono il gossip, la novità e la “condivisibilità”.

Tipi di fake news

Quando si tratta di valutare i contenuti online dobbiamo essere consapevoli che esistono vari tipi di notizie false, che includono:

1. Clickbait

Si tratta di storie create deliberatamente per ottenere più visitatori del sito Web e aumentarne le entrate pubblicitarie. Questi articoli usano titoli sensazionalistici per attirare l’attenzione e indirizzare click al sito web: maggiore è il numero di clic generati da una storia, maggiore è la quantità di denaro generato, tutto ciò a spese della verità e a guadagno dell’editor.

2. Propaganda

Le storie che alimentano da più tempo in assoluto le fake news sono quelle create per promuovere una particolare causa politica. Una deliberata falsificazione della realtà atta a favorire o danneggiare.

3. Satira / Parodia

Molti siti web e account di social media pubblicano finte notizie per l’intrattenimento e la parodia. Come i celebri Lercio e The Onion, che fanno perno sull’eccesso e sul paradosso toccando temi che vanno dalla politica all’attualità.

4. Titoli fuorvianti

Storie che non sono completamente false ma distorte grazie a titoli fuorvianti o sensazionalistici. Questo tipo di notizie possono diffondersi rapidamente sui social media dove vengono visualizzati al pubblico solo i titoli o frammenti dell’articolo.

6. Notizie tendenziose

Molte persone sono attratte da notizie che confermano le proprie convinzioni o pregiudizi. I feed sui nostri social media tendono a visualizzare notizie e articoli in base alle nostre ricerche personalizzate. Questo tipo di contenuto tende a riflettere i nostri gusti, le nostre opinioni e le nostre convinzioni e quindi ci isola da opinioni divergenti.

Come individuare le fake news?

Google e Facebook hanno annunciato nuove misure per affrontare le notizie false con l’introduzione di strumenti di segnalazione. Ecco a cosa prestare attenzione quando si valutano i contenuti online:

  • Dai un’occhiata più da vicino: controlla la fonte della storia, riconosci il sito? È una fonte affidabile? Se non hai familiarità con il sito, guarda nella sezione about o trova maggiori informazioni sull’autore.
  • Guarda oltre al titolo: controlla l’intero articolo, molte notizie false usano titoli sensazionalistici o scioccanti per attirare l’attenzione. Spesso i titoli sono tutti in maiuscolo e punti esclamativi.
  • Controlla altre fonti: altri media, più affidabili, raccontano la storia? 
  • Controlla i fatti: le notizie false contengono spesso date non corrette o alterate. Quando è stato pubblicato l’articolo, è attuale o una vecchia storia?
  • È uno scherzo? I siti satirici sono popolari e talvolta non è chiaro se una storia sia solo una parodia.

Se sei ancora in dubbio, prima di condividere, consulta il sito Bufale.net dove vengono segnalate le  fake news più virali.

2018-12-07T11:32:01+00:006 dicembre 2018|News|